Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione (vedi Policy) - Continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookies

I grani antichi a Montespertoli online - Vendita prodotti alimentari italiani

I grani antichi a Montespertoli

Posted by Giacomo 19/07/2017 0 Comment(s)

 

Quando la tradizione torna moderna

 

Nell’ultimo periodo nella zona di Montespertoli è tornato alto l’interesse per i grani antichi e per la loro lavorazione. Questi grani erano praticamente spariti a causa della loro resa minore e della scarsa adattabilità rispetto alle varietà attualmente in commercio.
60 anni dopo, grazie all’impegno di agricoltori del luogo e dell’Associazione Grani Antichi di Montespertoli, sono stati riscoperti e recuperati con la volontà di continuare a coltivarli seguendo le regole dell’agricoltura biologica.
Questo tipo di grano presenta un aspetto più lungo rispetto alle nuove varietà, non necessita l’utilizzo di concimi chimici e la sua altezza non consente alle erbacce infestanti di crescere intorno; in questo modo si evita anche l’utilizzo di erbicidi.

Oggi dunque è possibile riassaggiare il gusto di quei grani che tra il 1921 e il 1930 gli agronomi dell’Istituto di Cerealicoltura della Tenuta Fontarronco di Frassineto (Ar) avevano accuratamente selezionato. Le varietà furono scelte in quanto particolarmente adatte ai terreni e al clima di Montespertoli. Dalla macinatura a pietra dei grani antichi si ottiene una farina semintegrale di frumento tenero che è la base della pasta dei Grani Antichi di Montespertoli.

Ecco 7 motivi per scegliere questi grani antichi:

  1. NON SONO GENERICAMENTE RIMANEGGIATI DALL’UOMO
    I grani antichi non sono stati rimaneggiati geneticamente dall’uomo e per questo hanno una resa molto minore rispetto al più diffuso e moderno grano. Le loro spighe solo alte con sfumature scure e chicchi irregolari. Non vengono lavorati a livello intensivo e tutto ciò giustifica anche un prezzo di vendita più alto, a fronte però di un prodotto più sano e genuino.

  2. LA FARINA E’ MENO RAFFINATA
    I grani antichi vengono generalmente lavorati con la macinazione a pietra, la farina che si produce è quindi molto meno raffinata rispetto a quella prodotta con grano moderno. Grazie a questo tipo di lavorazione, infatti, si ha un prodotto che potremmo considerare semi-integrale, ovvero rispetto alle farine 0 o 00 si mantengono molto di più le proprietà nutrizionali presenti nel chicco.

  3. POSSIEDONO MENO GLUTINE
    La modificazione del grano moderno ha fatto sì che esso diventasse molto più ricco di glutine, con tutti gli svantaggi che ciò comporta per il nostro organismo. I grani antichi, invece, mantengono un rapporto più equilibrato tra presenza di amido e presenza di glutine, contenendo una percentuale minore di questa proteina di cui ultimamente tanto si discute.

  4. SI DIGERISCONO PIU’ FACILMENTE
    La minore presenza di glutine all’interno dei grani antichi, rende la farina da loro prodotta e di conseguenza tutti i prodotti che vi si possono ricavare, molto più leggeri, digeribili e assimilabili di quelli realizzati con il grano moderno. I grani antichi sono adatti a tutti i tipi di preparazione e sono ottimi anche da integrare nell’alimentazione dei bambini.

  5. SONO QUALITATIVAMENTE PIU’ PREGIATI
    I grani antichi hanno sfumature di odori e sapori che l’industriale grano moderno può solo sognare. Se fate in casa del pane con una farina ricavata da un grano antico (meglio se utilizzando pasta madre come lievito naturale) vi renderete conto della differenza. Inoltre, essendo il più delle volte frutto di piccole produzioni agricole, sono di qualità migliore e più pregiati.

  6. CHILOMETRO ZERO
    Acquistare grani antichi è un ottimo metodo per scegliere la filiera corta ed evitare di prendere prodotti che arrivano da chissà dove. Ovviamente, data la varietà dei grani antichi, è consigliato prediligere e acquistare quelli tipici del proprio territorio. Si può chiedere a degli agricoltori di zona qualche consiglio in merito.

  7. UN PATRIMONIO DA TUTELARE
    Un discorso molto importante da fare è anche quello legato alla biodiversità. Acquistare almeno ogni tanto grani antichi significa tutelare la biodiversità del proprio territorio o di altre zone di Italia. Questi grani infatti, proprio perché i costi di produzione sono più elevati a fronte di una resa più bassa, rischiano di scomparire e ciò ovviamente sarebbe un vero peccato, soprattutto considerando che essi sono un vero e proprio patrimonio da tutelare per non dimenticare mai l’origine delle nostre terre.